469 articoli scaricabili128numeri pubblicati
il più grande archivio gratuito di articoli tecnici sulle murature
30 anni di murature oggi

Calcolo del fabbisogno energetico degli edifici

Procedure di calcolo semplificate e valutazioni dinamiche

Ferrari S.
Ricerca

La valutazione del fabbisogno energetico di un edificio in fase di progetto comporta analisi di notevole complessità che rimandano all’uso di strumenti di simulazione sofisticati.

Condividi Segnala ad un amico via email
5 NOVEMBRE 2014

Per determinare in modo preciso il comportamento dell’involucro edilizio è necessario ricorrere a valutazioni di tipo dinamico, che considerino la variabile temporale, correlata agli effetti della capacità termica dei materiali, nel computare i fenomeni di trasmissione del calore.

Calcolo del fabbisogno energetico degli edifici

Le procedure di calcolo sono state tradotte in norme di derivazione CEN (Comitato Europeo di Normazione), e costituiscono il riferimento su cui si basano anche i decreti nazionali di recepimento della EPBD, la Direttiva UE sull’efficienza energetica degli edifici. Tali norme prevedono una procedura di calcolo semplificata a regime stazionario.

Negli ultimi anni le metodologie di calcolo semplificate vengono applicate dai progettisti mediante l’utilizzo di software di calcolo specifici: la procedura normata è quindi implementata dalle varie software house ed esposta all’utente attraverso un’interfaccia di input per l’inserimento dei dati necessari per il computo.

Dato che il progettista è sollevato da ogni onere di calcolazione, perché non applicare nei software per il calcolo del fabbisogno energetico degli edifici degli algoritmi più sofisticati che includano valutazioni a regime dinamico?

Quali risultati si potrebbero ottenere dall’utilizzo di tali metodologie pur mantenendo un input simile a quanto richiesto dalle procedure semplificate previste dalla normativa?

Nel presente articolo vengono riassunti alcuni casi di approfondimento sul tema, affrontati confrontando il fabbisogno energetico dell’edificio determinato tramite procedure di derivazione CEN con quello stimato dal codice di calcolo dinamico denominato DOE-2 (LBL, 1994).

I risultati del confronto sono particolarmente interessanti ed evidenziano come l’utilizzo di algoritmi sofisticati consenta di apprezzare i vantaggi dati dalla capacità termica dell’involucro edilizio, determinando differenze energetico-prestazionali sostanziali, soprattutto in riferimento alle condizioni climatiche caratteristiche del territorio nazionale.

Vuoi leggere l'articolo completo? Registrati gratuitamente REGISTRATI
Murature Oggi

la rivista del Consorzio POROTON® Italia

  • seguici con Google+
  • seguici con Facebook
  • seguici con Twitter
  • sottoscrizione al nostro feed
Numeri

Nata nel 1982, la rivista Murature Oggi vanta oggi numerosi lettori in tutta Italia. Ingegneri, studi tecnici, progettisti.

128 numeri pubblicati
469 articoli scaricabili
30.000 iscritti alla mailing list

Editore

Consorzio POROTON® Italia
Via Raimondo Franchetti, 4
37138 VERONA
PARTITA IVA: 02579990231

Contatti

info@muratureoggi.com
Tel. 045 57 26 97
Fax 045 57 24 30